Category Archives: Cinema

There will be blood

There will be blood - il petroliere

“There will be blood”, tradotto in Italia
con “Il petroliere”, comincia con una scena silenziosa, lunga. Il protagonista lavora scavando in una miniera, e poi comincia la sua ricerca per il petrolio. Di sottofondo, una musica quasi assordante, degli archi che suonano una melodia inquietante.

Siamo a fine ’800, e la corsa all’oro nero sta iniziando. Daniel Plainview, pioniere fra gli imprenditori del petrolio, non ha scrupoli. Compra terreni, scava ed estrae, contratta con i poveri contadini ignari del valore dei loro terreni acquisendoli per dei tozzi di pane. Trascina tutto e tutti nella sua corsa: il figlio, i suoi operai, gli altri petrolieri che vorrebbero comprare le sue attività, il predicatore avido e i suoi fedeli.

Privo di retorica, e privo della classica dicotomia narrativa bene/male, “There will be blood” è un film che scava profondo nell’anima dello spettatore. La spietatezza del personaggio, unita alla regia di P.T. Andersson, a volte asciutta ma accurata e potente nei momenti più forti, fa del film un capolavoro la cui portata è difficile da comprendere subito dopo la visione.

Daniel Day Lewis è semplicemente grandioso, eccelso. E fa tremare quando pronuncia la frase forse più significativa di tutto il film, quella che mi è rimasta impressa: “I hate everybody”, “io odio tutti”.

Oscar a Little Miss Sunshine

Little Miss Sunshine, piccola perla cinematografica, ha vinto l’oscar per la sceneggiatura originale. E’ stato premiato anche uno degli interpreti, Alan Arkin, che nel film è il nonno tossico e sgangherato. Ci sono gli oscar per The Departed (4) e quello per Morricone che fanno giustamente notiza; ma la vera sorpresa di questa edizione è proprio nel grande risultato di Little Miss Sunshine. Un film intenso, con personaggi veri, immersi tutti a modo loro nel tentativo di realizzare i propri sogni per non essere dei “perdenti”. Ansie narrate con leggerezza e ironia, storia semplice e raffinata, e un finale che fa stare bene. Bellissimo.
clicca qui per la lista completa dei premi

Non confondere l’insolito con l’impossibile

Ieri sera ho visto un film stupendo: “L’amico di famiglia” di Paolo Sorrentino. Diverso dalle altre sue due opere, ancora più profondo, cinico, spiazzante…vabbè basta. Davvero grande.

Il film è dedicato a due persone speciali: Lorenzo e Tommaso.

Un consiglio, scontato quanto doveroso: andate a vederlo!